Milano Yachting Week, i dettagli e le novità del primo boat show tutto in digitale. Il blogger ed imprenditore Giovanni De Pierro è ottimista sull’evento del 2021.

Il Milano Yachting Week fa il pieno di successo. Il primo boat show digitale al mondo, infatti, ha rilevato i dati di accesso degli utenti per il primo mese di apertura. E i numeri restituiscono l’apprezzamento che molti appassionati, utenti e visitatori virtuali hanno mostrato e mostrano nei confronti dell’evento. 216000 sono stati i prodotti visitati, 80.000 le visualizzazioni per i 50 stand, oltre 250 i prodotti già visitabili e fruibili. Inoltre, quotidianamente, gli stand si arricchiscono di nuovi prodotti legati alla nautica e alla vela e nuovi espositori si aggiungono alla mostra virtuale del Milano Yachting Week. 162000 le volte in cui le notizie sui prodotti ed i marchi del boat show, pubblicate sui siti di Giornale della Vela e Barche a Motore, sono state lette, visualizzate e aperte solo nel primo mese. 700000 sono i visitatori previsti al termine del primo anno  del Milano Yachting Week – Digital Boat Show, trasformandosi nel salone nautico digitale più visitato in Italia. Pertanto, l’emergenza sanitaria causata dal diffondersi e dal protrarsi del COVID – 19 non ha impedito lo svolgersi dell’evento. 

Giovanni De Pierro, imprenditore di Roma attivo nello yachting e nei servizi alle pulizie urbane su Giovanni De Pierro Blog, è fiducioso che l’evento si svolga “live” nel 2021. Evento che, infatto, ha conosciuto una riscoperta sul webe aperto un’analisi nuova sulle innovazioni che stanno interessando il mercato nautico, in relazione alla pandemia e all’evoluzione, crescente e capillare, del mondo digitale. Il comparto tecnologico, ricorda Giovanni De Pierro, imprenditore di Roma, è parte integrante della quotidianità globale, attraverso smartphone, tablet e computer. Sicuramente il digitale continuerà, in modo sempre maggiore, ad influire e modificare gli atteggiamenti e i comportamenti degli utenti, oltre che le modalità di fruizione dell’informazione. Questo porterà notevoli vantaggi alla conoscenza umana, riflettendosi in modo positivo anche sul settore della nautica. Prima dell’emergenza COVID, infatti, l’utente che desiderava acquistare un prodotto prendeva informazioni su riviste e giornali, sia cartacei che digitali, oltre che sui siti web dedicati. Dopo aver acquisito le giuste informazioni, l’interessato si dirigeva presso il punto vendita o il salone specializzato, in presenza o da remoto, per visionare il prodotto e, poi, effettuare l’acquisto. Tuttavia, il sistema iniziava già a mostrare incertezze, anche prima l’emergere della pandemia, che ha poi rallentato spostamenti e mobilità pubblica. Infatti, già il settore dell’automobile, in riferimento a saloni e mostre, era in crisi da tempo. Pertanto, il comparto dell’auto, che mostra similitudini con quello della nautica, ha conosciuto un momento di riconversione già prima della pandemia. Infatti, ha modificato l’importanza dei saloni, trasformandoli in esposizioni permanenti dei prodotti dei diversi marchi, grazie all’allestimento di showroom, aperti no – stop. I diversi marchi, allora, hanno attivato nuovi canali per incrementare la comunicazione, sia attraverso una circolazione più attiva sui media specializzati (in cartaceo e digitale), sia sui media generalisti (televisione o internet). In questo modo, i diversi brand sono stati capaci di realizzare una modalità comunicativa autonoma e personalizzata, orientata alle esigenze del cliente, usando i social e i siti web. Il mondo della nautica è stato colto di sorpresa dall’emergenza sanitaria, che ha causato l’annullamento di molti saloni nautici in presenza, fatta eccezione di quello Genova, che però è stato meta di pochi visitatori, rispetto ai numeri registrati negli anni scorsi. Pertanto, molti cantieri hanno dato vita ad eventi a “porte aperte” di pochi giorni, allestendo piccoli saloni nautici temporanei, in grado di ospitare un solo brand. A volte, i risultati sono stati di successo, altre volte, invece, si sono concretizzate debacle senza precedenti. Gli stessi produttori sono rimasti privi delle loro vetrine espositive, i saloni nautici, appunto, non sapendo come presentare, mostrare e diffondere i loro prodotti. Da questi momenti di difficoltà ed incertezza è nato il salone nautico digitale, chiamato appunto Milano Yachting Week. In realtà, il nome dell’evento era stato già definito prima del lockdown, poiché gli organizzatori aveva l’intenzione di svolgere l’evento nel mare di Milano. Con il diffondersi e il protrarsi della pandemia, gli organizzatori hanno deciso di far durare la Milano Yachting Week – The digital boat show per un intero anno, dal 15 settembre 2020 a settembre 2021.

ALCUNI COLLEGAMENTI RAPIDI:

GIOVANNI DE PIERRO ROMA

GIOVANNI DE PIERRO IMPRENDITORE

GIOVANNI DE PIERRO 2021

Da martedì 15 settembre torna la Milano Yachting Week, il salone nautico digitale made in Italy, visitabile tutto l’anno (sino a settembre 20201) tramite computer, tablet, smartphone e smart TV! Il Boat Show digitale è dedicato ai diportisti di tutto il mondo. La piattaforma, infatti, è bilingue, italiano e inglese.

Per entrare all’interno del Boat Show è sufficiente usare il mouse o semplicemente il dito! Grazie a una mappa, è possibile accedere allo spazio espositivo, che è organizzato in padiglioni tematici e con un piccolo porticciolo dedicato ai cantieri. Naturalmente si possono utilizzare anche i filtri di ricerca per trovare subito gli espositori di proprio interesse. Tra gli espositori che hanno confermato la loro presenza ci sono diverse aziende leader, come Bamar, Sealine, Boero Venezionai, Nautor Swan, Harken, Ice Yachts, Advanced, Amel, Garmin, Fjord, Dream Yacht Group, ecc.

Bastano pochi click per immergersi nel mondo del mare e scoprire tutte le novità dei cantieri, interagire con gli espositori, visitare i padiglioni e le migliori barche sul mercato (con foto esterni, interni, approfondimenti tecnici, video in navigazione, prezzi), ascoltare i grandi velisti, partecipare agli eventi e alle conferenze degli esperti, con la possibilità di rivederle in qualsiasi momento! Sarà possibile anche acquistare ogni tipo di prodotto legato alla nautica o in linea con il target “sea lovers” (o salvarlo sulla wishlist).

Qualche esempio? Vedere l’ICE 54, una delle novità più attese del segmento premium della nautica a vela ormeggiata in banchina nel porticciolo! Nessuno l’ha mai vista prima d’ora, anche perché Ice Yachts, come molti sanno, solitamente non partecipa ai saloni nautici. Sarà possibile anche ascoltare l’intervista al proprietario del Cantiere Marco Malgara per conoscere i segreti tecnici di questa novità assoluta, degna erede di Ice 52, che ha vinto regate come la Middle Sea Race e la Palermo – Montecarlo.

La Milano Yachting Week inizierà nel padiglione di Luna Rossa, la barca italiana più famosa al mondo. La prima settimana sarà ricca di contenuti multimediali, interviste (come allo skipper Max Sirena), tour virtuali dell’ultima barca volante e saranno svelati i segreti della base di Cagliari…Per saperne di più: https://www.milanomet.it/giovanni-de-pierro-quasi-2-milioni-di-utenti-alla-milano-yachting-week-2020/